Design e arte contemporanea

Studio del degrado di materiali polimerici

L’attività di ricerca è volta allo studio dei processi di degrado dei materiali utilizzati nel design e nell’arte contemporanea. Le indagini diagnostiche multi-analitiche vengono svolte su una selezione di materiali polimerici standard sottoposti ad invecchiamento artificiale fotossidativo. Tale processo ha lo scopo di simulare le condizioni di esposizione di oggetti reali in ambiente museale e di replicarne quindi il degrado subito a livello chimico-fisico. (Progetto concluso nel 2015)

Referente: Daniela Saviello

  • D. Saviello, E. Pouyet, L. Toniolo, M. Cotte, A. Nevin, "Synchrotron-based FTIR microspectroscopy for the mapping of photo-oxidation and additives in acrylonitrile-butadiene-styrene model samples and historical objects" 2014, in press on Analytica Chimica Acta
  • F. Toja, D. Saviello, A. Nevin, D. Comelli, M. Lazzari, M. Levi, L. Toniolo, "The degradation of poly(vinylacetate) as a material for design objects: a multi-analytical study of the effect of dibutyl phthalate plasticizer.Part 1." Polym Degrad Stab 2012; 97-11: 2441-2448
  • F. Toja, D. Saviello, A. Nevin, D. Comelli, M. Lazzari, G. Valentini, L. Toniolo, "The degradation of poly(vinyl acetate) as a material for design objects: a multi-analytical study of the effect of dibutyl phthalate plasticizer. Part 2." Polym Degrad Stab 2013 Vol. 98, Issue 11, Pages 2215-2223
Indagini diagnostiche per l’analisi di oggetti di design e arte contemporanea

L’attività di ricerca prevede metodi di indagine micro- e non invasivi per lo studio dello stato di conservazione di oggetti di design e arte contemporanea. La conservazione di opere in materiali polimerici è complessa e impegnativa a causa di diversi fattori come il loro breve tempo di vita, l’ampia varietà di processi di invecchiamento, le differenti condizioni di esposizione e i vari requisiti di immagazzinamento in deposito. Un’indagine approfondita che comprenda tecniche spettroscopiche e spettrofotometriche permette un’utile ed accurata valutazione. (Progetto concluso nel 2015)

Referente: Daniela Saviello

  • D. Comelli, F. Toja, C. D'Andrea, L. Toniolo, G. Valentini, M. Lazzari, A. Nevin, “Advanced non-invasive fluorescence spectroscopy and imaging for mapping photo-oxidative degradation in acrylonitrile–butadiene–styrene: A study of model samples and of an object from the 1960s”, 2014, Polym Degrad Stabil
  • Toja F., Nevin A, Comelli D, Levi M, Cubeddu R, Toniolo L. “Fluorescence and Fourier-transform infrared spectroscopy for the analysis of iconic Italian design lamps made of polymeric materials” Anal Bioanal Chem. 2011;399(9):2977-86.
Metodologie per la conservazione di oggetti in materiale plastico

Ingiallimento, perdita delle proprietà meccaniche ed ottiche, sono solo alcuni dei danni che subiscono i materiali polimerici con l’invecchiamento. Risulta molto importante cercare di sviluppare nuove metodologie conservative in grado di recuperare le proprietà dei materiali, rallentare i processi di degrado o in alcuni casi prevenirli. Questa attività di ricerca include metodi innovativi per la riduzione dell’ingiallimento e per il recupero delle proprietà meccaniche tramite procedure di post-additivazione e pulitura. (Progetto concluso nel 2015)

Referente: Daniela Saviello